Ashtanga Yoga

secondo la tradizione di Sri K. Pattabhi Jois

L’Ashtanga Yoga deriva dagli insegnamenti di Sri K. Pattabhi Jois (fondatore dell’Ashtanga Yoga Research Institute di Mysore, in India) e del suo maestro Sri T. Krishnamacharya.

E' una disciplina caratterizzata da sequenze di movimenti sincronizzati con il respiro (vinyasa), che consentono di unire il mondo esteriore a quello interiore.

L’atto respiratorio ed il movimento convergono a creare una danza ritmica senza interruzioni, attraverso la quale si sviluppa un’intensa energia e si ottengono infiniti benefici.

La corretta respirazione e la chiusura delle valvole energetiche (bandha) producono un calore interno che scioglie i muscoli e purifica gli organi, facendo espellere le tossine.

L’effetto più tangibile è un corpo forte, leggero, flessibile ed armonioso.

L’’Ashtanga Yoga, tuttavia, è molto di più: è una forma di meditazione, un percorso fisico e mentale che migliora la qualità della vita, conducendo ad una maggiore consapevolezza fisica, psicologica e spirituale.

La mente, concentrata sulla pratica e distolta dai suoi pensieri abituali, si calma.

Lo stress scompare e la capacità di concentrarsi aumenta.

La condizione di totale equilibrio con il corpo e la mente conduce alla pace interiore e ad una ritrovata spiritualità, consentendo di sentirsi maggiormente connessi con se stessi e con il mondo circostante.

Se praticato regolarmente, l’Ashtanga Yoga conduce chi lo pratica ad una maggiore consapevolezza fisica, psicologica e spirituale.

L’Ashtanga Yoga può essere interpretato come uno strumento per mantenersi fisicamente in forma o come un percorso volto ad esplorare la propria spiritualità.

In entrambi i casi, c'è un solo modo per raccoglierne i benefici ed è la pratica!